Cristiani Evangelici e la preghiera



«Considerazioni Bibliche sulla Preghiera »




«PREGARE significa.....»

...PARLARE, DIALOGARE,
CHIEDERE, CONVERSARE,
ELOGIARE ed ASCOLTARE.

           Avere la possibilità di parlare con qualcuno è una necessità di tutti noi, in qualunque momento possiamo aver bisogno di una persona pronta ad ascoltarci, forse solo per chiedergli un opinione, per esporgli un nostro problema, per essere consigliati o addirittura consolati.

           Purtroppo non sempre troviamo delle persone disposte ad ascoltarci, può capitare che anche i migliori amici abbiano da fare o che addirittura i nostri genitori, presi dai mille impegni, non possano dedicarci immediatamente un pò del loro tempo. E allora? Che si fa?

           Niente paura, il nostro Padre Celeste è sempre pronto ad ascoltarci. In qualsiasi momento del giorno e della notte, noi possiamo rivolgerci a Lui per qualunque motivo ed Egli non mancherà di ascoltare le nostre parole, di comprendere i nostri pensieri, di darci sempre tranquillità, pace ed una risposta ad ogni problema, grande o piccolo che sia.




             Ma per ottener risposta.....
Occorre pregare Dio con fede. Chi non ha fiducia in Dio non può aspettarsi di ricevere nulla dal Signore. Nell'Epistola agli Ebrei al Cap. 4 verso 16 leggiamo: «Accostiamoci dunque con piena fiducia al trono della grazia, per ottenere misericordia, trovar grazia ed essere soccorsi al momento opportuno».




             Ma pregare Dio.....
Non vuol dire affatto fare "sempre" un lungo elenco di richieste, travolgendo Dio coi nostri problemi e tralasciando i molti altri aspetti che Dio desidera da noi nella preghiera, quali il ringraziamento, la lode e l'esaltazione che gli spettano.




             Sul come pregare Dio.....
Sono stati spesi fiumi d'inchiostro. Per l'uomo è sempre stato difficile trovare le parole giuste con cui rivolgersi a Dio. I clichè e le preghiere prefabbricate dall'uomo, pur conservando il loro valore poetico e sentimentale, risultano inadatte a soddisfare determinate nostre esigenze spirituali. Lo stesso « PADRE NOSTRO», il modello di preghiera lasciatoci da Gesù, diventa a sua volta stereotipo, noioso, inconcludente se solo recitato ma senza esser vissuto e sofferto. Tuttavia il «PADRE NOSTRO» fin dalle sue prime parole, c'insegna a rendere efficace qualunque richiesta, qualunque discorso rivolto a Dio, perchè c'introduce in un clima confidenziale, di totale fiducia in Dio.




             Ma conversare con Dio.....
Non sempre lo si fa con le parole, talvolta senza, infatti al silenzio della nostra bocca fa eco il dialogo con Dio del nostro cuore, della nostra mente e talvolta persino delle nostre lacrime!!!




           Nella «CAMERETTA SEGRETA» che seguirà non ci saranno parole, pensieri, osservazioni e commenti umani, nè parlerà l'uomo della redazione ma solo Dio tramite la Sua Parola: «LA SACRA BIBBIA!» Dio risponderà direttamente ad ogni domanda sull'argomento della preghiera.


Entra «SOLO» se sei davvero interessato a questo argomento


Gli Evangelici e la preghiera